Sono stati recuperati dagli speleosub dei Vigili del Fuoco i corpi di due dei tre sub morti venerdì scorso durante un’immersione a Palinuro, frazione di Centola (Salerno). Si tratta di quelli di Mauro Cammardella e di Mauro Tancredi. Manca ancora quello di Silvio Anzola.

Il recupero di Tancredi, medico originario di Palinuro, da quanto si apprende, è stato più difficile rispetto a quello, avvenuto stamani, di Mauro Cammardella in un cunicolo della grotta della Scaletta. Tancredi, infatti, aveva due bombole e quindi il corpo era più pesante. Sarà il medico legale Adamo Maiese ad effettuare, anche in questo caso, un primo esame esterno del cadavere che poi verrà trasferito, come le altre salme, nell’ospedale di Vallo della Lucania.

Completate le operazioni del recupero di Tancredi, due squadre scenderanno per esaminare il tratto di grotta dove dovrebbe trovarsi il terzo sub, Silvio Anzola. Secondo Giovanni Nanni, direttore regionale dei Vigili del Fuoco, “incidenti di questo tipo possono avvenire a Palinuro come altrove. Qui, però, la macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione”. “Episodi del genere – aggiunge il comandante dei Vigili del Fuoco di Salerno, Emanuele Franculli – devono solo far riflettere. Bisogna non dimenticare mai che la formazione e la prevenzione sono fondamentali”.

Uno degli speleosub che ha recuperato il corpo di Mauro Tancredi ha avuto un malore una volta giunto nel porto. Per questo il giovane è stato portato nella camera iperbarica dell’ospedale San Leonardo di Salerno. In un primo momento, avvertendo un forte dolore alla spalla, si è pensato ad un problema muscolare causato dallo sforzo di portare a galla il corpo di Tancredi. Fonti ospedaliere, invece, parlano di “un episodio di embolia gassosa e avrà un trattamento di circa sette ore in camera”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ravenna, il ricordo di Ettore Muti. Il parroco nell’omelia contro unioni gay, aborto e comunismo

prev
Articolo Successivo

Sesso spinto davanti al comando dei carabinieri, le telecamere riprendono tutto. Il video

next