Ivan Zaytsev è il pallavolista italiano che sta facendo impazzire fan e non, sui social dopo la sua battuta da record ai Giochi Olimpici di Rio. Il ragazzo di 27 anni, soprannominato lo “Zar” o “Ivan il Terribile”, durante la partita contro l’Iran ha eguagliato il record di velocità olimpico al servizio: 127 km/h. Un gesto che l’ha fatto subito diventare un eroe sui social e sui giornali. Ma lo Zar non si è fermato e ha sorpreso ancora: durante la partita Italia – Stati Uniti ha sparato un colpo di precisione a 122 km/h, rimasto all’interno del campo per pochi centimetri. Gli azzurri hanno sconfitto gli statunitensi e hanno conquistato la finale di domani contro il Brasile.

Le prodezze del figlio d’arte della pallavolo – suo padre è stato oro olimpico per la nazionale sovietica a Mosca 1980 –  hanno fatto il giro del web. Gli utenti si son divertiti a trasformare il pallavolista in supereroi come Thor o paragonando le sue battute a quelle di Mila e Shiro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio 2016, è l’ora della pallanuoto: Italia unico paese ad avere entrambe le nazionali in semifinale

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, poche risorse e scarsa visibilità: ecco perché la scherma azzurra è crollata dopo due decenni di trionfi

next