“Papà, tu sei il mio eroe, il mio migliore amico e il futuro presidente degli Stati Uniti”. Così Eric Trump, figlio trentaduenne di Donald, dal palco della convention repubblicana di Cleveland. Il figlio del tycoon in un discorso applauditissimo dalla folla, ha chiesto di votare “per un candidato che non è mai stato un politico, che non ha mai ricevuto uno stipendio dal governo e che non ha bisogno di questo lavoro”. Poi aggiunge: “Io voterò per un candidato che non può essere comprato, venduto, corrotto, costretto o intimidito”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Nizza, Libération: “Promenade non protetta dalla polizia”. Valls: “Basta dubbi sulla parola del governo”

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Cruz non appoggia Trump. La platea lo sommerge di fischi

next