Due donne fanno il loro ingresso in posizioni di primo piano nei Comuni di Roma e Milano: Carla Romana Raineri sarà il nuovo capo di gabinetto del Ca,pidoglio, mentre Arabella Caporello sarà la prima city manager donna del Comune di Milano.

La nomina di Raineri è arrivata dopo le numerose polemiche legate al conferimento dell’incarico: in un primo momento il candidato in pectore era Daniele Frongia, poi si era parlato di Daniela Morgante, sponsorizzata dalla deputata Roberta Lombardi. Ma ora la decisione della sindaca Virginia Raggi è ufficiale, che ha scelto la magistrata chiamata dall’ex commissario Tronca a capo dell’anticorruzione del Comune di Roma.

A dare l’annuncio, in un post su Facebook, è la stessa prima cittadina. “È un piacere annunciare che il ruolo di capo di gabinetto nella mia amministrazione sarà ricoperto dal magistrato Carla Romana Raineri, che ringrazio e alla quale invio un augurio di buon lavoro – scrive Raggi – Il cambiamento passa per i cittadini e attraverso le istituzioni, con le istituzioni che si impegnano per il cambiamento”. L’interessata ha risposto: “Desidero ringraziare la Sindaca Virginia Raggi per il prestigioso incarico e, soprattutto, per avermi attesa così a lungo, sopportando stoicamente le ostilità dei suoi avversari politici e della stampa”.

Intanto, Milano avrà la sua prima direttrice generale donna. Arabella Caporello, 43 anni, marchigiana d’origine ma a Milano dal 1991, ha lavorato nel settore del Private Equity. Tra il 2012 e il 2014, ha svolto il ruolo di assistente esecutivo al consiglio di gestione della Banca Popolare di Milano. Da maggio 2016 è anche componente del consiglio di amministrazione di Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, Di Maio elenca tra le lobby anche quella “dei malati di cancro”. Polemiche, poi le scuse

prev
Articolo Successivo

D’Anna show vs M5S: “Vergini dai candidi manti, rotte di dietro ma sane davanti”

next