Donald Trump, nel momento clou del primo giorno di convention repubblicana a Cleveland, ha lasciato il palco a sua moglie Melania, rimasta al suo fianco durante durante tutta la campagna elettorale. “Mio marito è l’uomo giusto” perché ama la famiglia e il suo paese “più di tutto”, ha detto la modella slovena naturalizzata statunitense. Ma il discorso della “futura first lady”, come l’ha definita il marito, è finito al centro di dibattiti e polemiche sui social network e sui media americani. L’accusa è di aver plagiato larga parte del suo discorso da quello pronunciato da Michelle Obama nel 2008, proprio durante la convention democratica che incoronò Barack Obama candidato alla presidenza.

“Avete trasformato queste strane primarie in un movimento che ancora cresce” ha esordito la moglie del miliardario newyorchese ricevendo una pioggia di applausi. Subito dopo ha però fatto un riferimento al suo passato che è suonato familiare ai commentatori americani: “Da molto giovane i miei genitori mi hanno inculcato i valori che lavorare duro per avere ciò che vuoi nella vita, che la tua parola è sacra e bisogna rispettare le promesse e trattare la gente con rispetto”. Nel 2008 Michelle aveva detto: “Barack e io siamo stati educati con valori molto simili: lavorare duro per ciò che vuoi nella vita, il fatto che la tua parola è sacra e che bisogna rispettare le promesse, trattare la gente con dignità e rispetto”

Un’altra frase, “i bambini in questo Paese sappiano che l’unico limite ai propri successi è la forza dei sogni e quanto siano disposti a lavorare per realizzarli”, è quasi del tutto identica ad una di Michelle. Poi, in un altro passaggio, Melania ha elogiato le virtù del padre: “La sua integrità, comprensione e intelligenza si riflettono oggi in me e nel mio amore per la mia famiglia e per questo Paese”. Otto anni fa, Michelle aveva affermato che “integrità, comprensione e intelligenza” della madre si riflettevano nelle sue due figlie.

Al termine dell’intervento, mentre già rimbalzavano le prime accuse di plagio sui social, Donald Trump ha pubblicato su Twitter questo post: “È stato un onore presentare mia moglie, Melania. Il suo discorso e il suo portamento sono stati incredibili. Molto orgoglioso”. Più tardi il suo portavoce Jason Miller è intervenuto sul presunto plagio con una nota ufficiale: “La sua esperienza di immigrata e il suo amore per l’America sono emersi nel suo discorso. Nello scrivere il suo splendido discorso, il team di scrittori di Melania ha considerato quello che è stato fonte di ispirazione nella sua vita e in alcuni passaggi ha incluso frammenti che riflettono il suo pensiero”.  Nessun riferimento esplicito alle parole di Michelle Obama quindi ma l’ammissione che nel discorso vi siano riferimenti a fonti che in passato devono avere, parecchio, ispirato Melania.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Convention repubblicana, Trump a Cleveland: “Legge e ordine per l’America”

next
Articolo Successivo

Usa 2016, spari contro polizia fuori dalla convention repubblicana a Cleveland

next