Angela ha 21 anni e una bambina di due, che sta crescendo con il solo aiuto di sua madre. Sta cercando lavoro e nell’attesa, tre giorni alla settimana, dà una mano agli operatori di una ludoteca, occupandosi del baby parking. In cambio riceve dal Comune 400 euro, per pagare l’affitto e le bollette. Quello di Angela è uno dei patti sociali stipulati a Modena, dove l’amministrazione ha deciso di sperimentare una nuova forma di welfare per le persone disoccupate, in cui al contributo economico, da destinare al mantenimento della casa, corrispondono attività di volontariato e lavori socialmente utili in associazioni ed enti no profit, come la distribuzione di vestiti nelle parrocchie, la manutenzione dei parchi o la partecipazione a percorsi formativi.

Un modo per responsabilizzare i cittadini, per favorire la loro partecipazione attiva e il reinserimento in contesti lavorativi. Ma anche per aiutare chi sta vivendo sulla propria pelle la crisi a rimettersi in gioco e a sentirsi utile alla comunità. La prima fase, partita a settembre, ha coinvolto circa 28 persone, che hanno ricevuto un contributo di 300 euro per tre mesi, rinnovabili per altri tre. E ora il Comune ha deciso di replicare con un secondo bando, portando la cifra a 400 euro e allungando la durata a sei mesi, eventualmente prorogabili per altri tre. I beneficiari previsti sono 52, e in tutto il costo dell’intervento, coperto dalla Fondazione Cassa di risparmio di Modena, ammonta a 150mila euro. Anche se il Comune è orientato ad aggiungere risorse proprie, così da poter aggiungere altre 30 famiglie circa alla lista.

Il progetto si rivolge a cittadini italiani e stranieri, residenti a Modena. Devono rientrare in una fascia di età compresa tra i 18 e i 65 anni, essere disoccupati, in mobilità o in cassa integrazione, e non devono essere stati licenziati per giusta causa. La soglia massima per l’Isee è 10mila euro. Esclusi coloro che già vivono nelle case popolari. Per ricevere i soldi bisogna sottoscrivere un Patto sociale di cittadinanza, che “contiene in modo dettagliato le azioni che il beneficiario si impegna a realizzare nel periodo di erogazione del beneficio”. Il tutto viene discusso e concordato prima con l’assistente sociale, sulla base delle competenze personali, delle abilità individuali, e delle caratteristiche della situazione famigliare.

Nell’idea del Comune, i contributi sono “finalizzati prevalentemente al mantenimento dell’abitazione”, come si legge nel bando. “Siamo partiti da una considerazione semplice – spiega l’assessore al Welfare e alla Coesione sociale Giuliana Urbelli – Nel 2015 il Comune ha messo in campo 2,3 milioni di euro per i nuclei che si trovano in situazioni di disagio socio-economico. Madri sole, ad esempio, famiglie omogenitoriali o molto numerose. Il 50% di questi contributi è stato destinato al mantenimento dell’abitazione, quindi al pagamento dell’affitto e delle utenze. E questo è il dato fondamentale, perché ci racconta come la casa, di fronte al calo dei redditi, sia diventata la criticità primaria delle famiglie”.

E se Angela, vista la sua passione per i bambini, ha optato per un centro ricreativo, c’è anche chi ha scelto di dare una mano alla mensa dei poveri, chi ha contribuito alla pulizia del verde o alle attività di un centro per anziani, e chi si è impegnato a seguire a corsi di orientamento. “Per ora si tratta una sperimentazione, ma in futuro vorremmo superare il classico assistenzialismo ed estendere questa logica di erogazione dei contributi anche agli altri fondi – racconta Urbelli – Perché è una misura che responsabilizza, fa bene alla comunità e allo stesso tempo alla persona disoccupata, che riceve un aiuto economico con maggiore dignità” .

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cooperazione allo sviluppo, “bloccate le assunzioni di professionisti esterni nella nuova Agenzia. Così la riforma fallirà”

prev
Articolo Successivo

Onlus e affari, le case della Fondazione vendute in saldo ai calciatori del Milan

next