“I veri eroi sono i miei nipotini che mi sono stati accanto fino all’arrivo dei soccorsi”. Parola di
Gaetano Moscato, di anni 71, l’uomo che è assurto alle cronache come il nonno-coraggio della notte della mattanza del 14 luglio sul lungomare di Nizza. Gaetano, una volta capito che il camion frigo stava per investirli, ha spinto via i nipoti, sacrificando il suo arto inferiore. “Nella gravità della situazione ora mi sento bene”, racconta e, riavvolgendo il film di quella notte folle, vuole specificare il ruolo che ha avuto il suo nipotino più grande: “Ha continuato ad assistermi. Mi ha messo la giacca sotto la testa ed è andato a chiedere alle persone vicine se avevano una cintura per fermarmi l’emorragia. Poi ha cercato di fermare tutte le ambulanze gridando”. Dal momento dell’impatto all’arrivo dei soccorsi passano 45 minuti interminabili e il racconto di nonno Gaetano è straziante: “Dopo l’urto la mia gamba era ridotta in poltiglia, quindi ho preso tutti i resti dell’arto e me li sono messi di fianco al corpo anche se l’unica cosa intera era il mio piede sinistro” di Cosimo Caridi e Lorenzo Galeazzi 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turchia, colpo di stato fallito. La diretta – Il premier: “Saranno puniti”. Erdogan riprende il potere. “265 morti, 2839 militari arrestati e 3mila giudici rimossi” (FOTO E VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Attentato Nizza, Mohamed e l’Isis? Nessuna prova. Ma nel dipartimento numero più alto di casi di radicalismo

next