Tramonta definitivamente l’ipotesi spacchettamento del quesito referendario sulle riforme costituzionali. E’ fallita la raccolta firme tra i parlamentari necessaria per presentare la proposta di voto per parti separate al vaglio della Cassazione. L’iniziativa, lanciata dai radicali, è stata bocciata dal premier Matteo Renzi, spiegando che l’ipotesi “non sta in piedi”. La raccolta firme è arrivata ad un passo dal quorum al Senato dove, a ridosso della scadenza temporale per la raccolta, mancavano solo 25 firme. Alla, Camera, invece, hanno firmato solo un quinto dei deputati che sarebbero serviti per presentare richiesta.

“Prevale la vecchia politica che privilegia i giochi di potere rispetto al merito – ha commentato Adriana Galgano, deputata di Scelta Civica che ha promosso l’iniziativa della raccolta – Lo spacchettamento sarebbe stato il modo migliore per spoliticizzare e spersonalizzare il referendum. Invece sia l’opposizione che la maggioranza hanno puntato alla mera semplificazione come arma per vincere”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Nizza, Alfano: “Rafforzata la vigilanza sui luoghi sensibili”

next
Articolo Successivo

Attentato Nizza, Lega in presidio sotto al centro islamico di Milano: “Paura per i nostri figli”

next