Un fiume di cocaina, eroina, hashish e marijuana arrivava dalla Campania nelle piazze della Sicilia occidentale, grazie alla joint venture fra Cosa nostra e la camorra. Da questa mattina un centinaio di uomini della squadra mobile di Palermo, con il blitz battezzato “Tiro mancino”, stanno smantellando il canale di approvvigionamento dello stupefacente dalla Campania alla Sicilia. Gli agenti hanno eseguito 26 ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip di  Palermo su richiesta dei pm della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di altrettanti esponenti di spicco dei due sodalizi criminali. Decine di chili di droga che venivano immessi nel mercato palermitano, ma anche nelle piazze di spaccio del Trapanese, a Mazara del Vallo, Marsala, Alcamo e Castellammare del Golfo, fino a Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento. I sigilli sono scattati nei confronti dei beni di uno degli esponenti di spicco dell’organizzazione, sotto sequestro, tra l’altro, una lussuosa villa alle porte di Palermo
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Metro C, inchiesta a Roma su costi gonfiati e tempi di consegna: 13 indagati. Anche Improta e Incalza. Perquisizioni Gdf

prev
Articolo Successivo

Salone del libro di Torino, 4 arresti: “Turbativa d’asta sull’assegnazione”. Indagato ex assessore di Fassino

next