Oltre 7,5 tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate e 8 persone arrestate. E’ il bilancio di un blitz della Guardia di Finanza di Caserta in un capannone situato a Napoli, in via Roma, verso Scampia. Ad attirare l’attenzione dei finanzieri un tombino, posto al centro del magazzino, di dimensioni più grandi rispetto agli altri e, peraltro, non collegato al sistema di raccolta delle acque reflue. In realtà si trattava di un finto tombino che nascondeva una botola attraverso la quale, scendendo una scala in ferro lì collocata, si accedeva a un vero e proprio bunker sotterraneo, realizzato con pareti in cemento armato di notevoli dimensioni, al cui interno erano nascosti 1.826,20 kg di tabacchi lavorati esteri di contrabbando. Il magazzino e le sigarette sono stati sequestrati e il responsabile tratto in arresto. Nello stesso locale, le Fiamme Gialle, alcuni giorni prima, avevano rinvenuto altri 5.760 kg di sigarette e arrestato 7 persone, sorprese nelle operazioni di trasbordo di alcuni bancali riposti su un autoarticolato con targa slovena. Dalla successiva ispezione, erano state scoperte 24 casse di sigarette di varie marche, del valore stimato di oltre 1,5 milioni di euro, su cui gravano imposte per circa un milione di euro, tutte prive del contrassegno di Stato e verosimilmente destinate al mercato partenopeo. Il mezzo straniero era stato intercettato e pedinato dai militari, in servizio di pattugliamento lungo l’A1, all’altezza del casello autostradale Napoli Nord mentre era preceduto da un’auto staffetta e aveva terminato la propria corsa all’interno del deposito

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pop Vicenza, la lettera dell’azionista suicida: “Sto troppo male. Tratta bene i cani”

prev
Articolo Successivo

Popolare Vicenza, “dopo i funerali dell’azionista suicida tutti in silenzio davanti alla villa dell’ex presidente Zonin”

next