Sono morte 3 persone, e altre 40 sono rimaste ferite, nell’incidente che alle 23 di domenica 5 giugno ha coinvolto un treno passeggeri e uno che trasportava merci a Saint-Georges-Sur-Meuse, nell’est del Belgio. Alcuni feriti sono stati ricoverati negli ospedali di Huy e Liegi, mentre altre 27 persone sono state curate dai servizi di emergenza locali, che, in un campo sportivo, hanno fornito ai feriti anche assistenza psicologica. La procura di Liegi ha poi aperto un’indagine per determinare, come ha detto la sostituta procuratrice Nathalie Gobin, “chi sono i responsabili” dell’incidente.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, il treno passeggeri, composto da sei carrozze e con 40 persone a bordo, stava viaggiando a 90 chilometri orari quando ha colpito la coda del treno merci. L’operatore ferroviario nazionale Sncb ha aggiunto che i due vagoni anteriori sono deragliati e, secondo quanto ha riferito Francis Dejon, sindaco di Saint-Georges-Sur-Meuse, il treno passeggeri, che viaggiava a “una velocità importante”, si sono accartocciate su sé stesse. I soccorritori hanno impiegato oltre 3 ore per liberare dalle lamiere le persone rimaste coinvolte.

Al momento le cause dell’incidente non sono state chiarite, ma domenica un fulmine aveva colpito la linea, costringendo gli operatori a disattivare un segnale per le riparazioni. Nel frattempo la circolazione dei treni tra Namur e Liegi rimane interrotta e secondo il portavoce delle ferrovie, Nathalie Pierard, l’interruzione potrebbe durare vari giorni. Il primo ministro belga Charles Michel ha espresso via Twitter le condoglianze ai famigliari delle vittime, auspicando una rapida ripresa per i feriti, e ha annunciato che si recherà sul posto assieme al re Filippo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, pullman di studenti precipita in un canale: 14 morti e 26 feriti

prev
Articolo Successivo

Libano, direttore di Al Manar: “Arabia Saudita ci oscura perché siamo contro Isis”

next