Inaugurazione da 9 milioni di franchi per il tunnel di base del San Gottardo. E’ quanto ha speso Berna per festeggiare l’apertura della galleria ferroviaria più lunga del mondo che avvicinerà l’Italia alla Svizzera e alla Germania, salutata, tra l’altro, con uno spettacolo affidato al regista Volker Hesse, che coinvolge 600 artisti.

Sono oltre 1.100 gli ospiti e 300 i giornalisti accreditati per l’evento che si svolge contemporaneamente a Erstfeld nel canton dell’Uri e a Pollegio nel Canton Ticino, ai due lati della galleria. Mille cittadini svizzeri estratti a sorte sono i primi a percorrere in treno il tratto di 57,1 km. Sul secondo convoglio viaggia, invece, l’intero governo svizzero oltre ad ospiti dei paesi confinanti fra cui il presidente del Consiglio Matteo Renzi e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Quando la galleria di base diventerà operativa l’11 dicembre, vi potranno transitare ogni giorno fino a 250 treni merci e 65 treni passeggeri al giorno, invece del limite massimo di 180 treni merci della vecchia linea alpina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Cei: “No a hotspot su navi”. Alfano: “Non possiamo accogliere tutti”. Lega: “Chiesa usi i soldi dello Ior”

prev
Articolo Successivo

Marsala, morto il maresciallo rimasto ferito in blitz antidroga. Mattarella: “Brutale agguato”

next