Con una lettera al “Messaggero” nel gennaio 1973, Pannella apre la campagna per la depenalizzazione e liberalizzazione delle droghe leggere. La parola d’ordine era: “Contro la droga di stato e per la liberalizzazione delle droghe leggere”.
Altro strumento di pressione fu la raccolta di firme iniziata a novembre del 1993. Le firme necessarie (50.000) furono raccolte e superate, ma le due proposte di legge non furono mai inserite all’ordine del giorno della discussione in nessuna delle due Camere. Nel frattempo in Italia si è diffusa, sempre di più, l’Amnèsia, una droga ottenuta spruzzando la marijuana con le sostanze più varie, dal metadone fino all’acido di batteria, che provoca fortissimi attacchi d’ansia e panico. Il racconto di Pablo Trincia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Trattativa: Mori e quell’incontro con Ciancimino. “Dopo le morti di Falcone e Borsellino, eravamo in ginocchio”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, alla ricerca di Amnèsia. La marijuana chimica in mano alla camorra

next