Con una lettera al “Messaggero” nel gennaio 1973, Pannella apre la campagna per la depenalizzazione e liberalizzazione delle droghe leggere. La parola d’ordine era: “Contro la droga di stato e per la liberalizzazione delle droghe leggere”.
Altro strumento di pressione fu la raccolta di firme iniziata a novembre del 1993. Le firme necessarie (50.000) furono raccolte e superate, ma le due proposte di legge non furono mai inserite all’ordine del giorno della discussione in nessuna delle due Camere. Nel frattempo in Italia si è diffusa, sempre di più, l’Amnèsia, una droga ottenuta spruzzando la marijuana con le sostanze più varie, dal metadone fino all’acido di batteria, che provoca fortissimi attacchi d’ansia e panico. Il racconto di Pablo Trincia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Trattativa: Mori e quell’incontro con Ciancimino. “Dopo le morti di Falcone e Borsellino, eravamo in ginocchio”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, alla ricerca di Amnèsia. La marijuana chimica in mano alla camorra

next