Cedevano informazioni riservate alla camorra che riguardavano operazioni anti crimine, anche tramite accessi illeciti alla banca dati. Per farlo, ricevevano un compenso. Il Nucleo Investigativo dei carabinieri di Napoli oggi ha notificato 5 arresti e un divieto di dimora ad altrettante persone, tra cui ci sono 3 pregiudicati ritenuti legati ai clan Polverino, Nuvoletta e al gruppo emergente degli Orlando, attivi nella zona di Marano (Napoli) nel settore del traffico e dello spaccio di stupefacenti. Divieto di dimora anche a una persona che faceva da intermediario e ai due militari coinvolti.

Le indagini sono state avviate nel 2015 e si sono concentrate su un gruppo criminale creatosi dopo l’esecuzione di numerosi provvedimenti cautelari nei confronti del clan camorristico Polverino. Alcune persone coinvolte nell’inchiesta, inoltre, in cambio di atti contrari al loro ufficio, ricevevano la promessa di un’intercessione con i vertici dell’Arma locali e romani per ottenere il trasferimento al Nucleo investigativo di Castello di Cisterna, competente per le indagini di criminalità organizzata anche sull’area di Marano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia, i due Pd davanti a Pio La Torre. Renzi: “Si combatte con le sentenze”. Bindi: “Voti Cosa nostra puzzano sempre”

prev
Articolo Successivo

Renzi e la negazione della lotta alla mafia

next