Confronto tra Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, e Rosy Bindi, presidente della commissione antimafia, situazione campana del Pd nel corso di Otto e Mezzo (La7). Travaglio prende spunto dalle dichiarazioni rese dal governatore della Campania alla rubrica settimanale #matteorisponde di Matteo Renzi e menziona le liste dei candidati impresentabili alle elezioni regionali del 31 maggio scorso. “In quell’elenco” – ricorda Travaglio – “c’era anche lo zio di Stefano Graziano. Lo stesso Saviano, a cui si può dire di tutto tranne che non conosca la realtà della Campania e soprattutto dell’area casertana. disse che De Luca e il Pd in Campania avevano aperto le liste a Gomorra”. E aggiunge: “Alla fine De Luca ha vinto le elezioni per 55mila preferenze in più rispetto a Caldoro del centrodestra. Graziano ha preso 15mila. Vuol dire che se rinunci a Graziano, metti in pericolo la tua elezione a governatore della Campania. I giudici arrivano alla fine, i carabinieri arrivano un po’ prima, i giornalisti, quando sono bravi, come la Capacchione e Saviano, arrivano comunque, ma i primi a sapere queste situazioni sono i politici. Nel territorio” – continua – “se ha un senso la politica locale, questa drizza le antenne e prende provvedimenti. Questo avviene se uno vuole tirare fuori dalla società il meglio. Se invece vuole tirar fuori tante preferenze, non c’è problema: prendo il pacchetto di voti che prima aveva Cosentino e me lo porto in casa. Però non è gratis, perché questo a un certo punto implica un contraccambio“. Gli fa eco Rosy Bindi: “A prescindere dalle leggi, un partito politico che ha un parlamentare che è condannato in primo grado dovrebbe trarre le conseguenze. E ovviamente anche il parlamentare stesso. La politica, se vuole veramente, come è giusto, rivendicare l’autonomia rispetto alla magistratura e non vuole da quest’ultima invasioni di campo, in un corretto equilibrio di poteri, dovrebbe arrivare prima della magistratura. Questa è l’unica garanzia che non sia la magistratura a selezionare la classe dirigente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bagarre a La Gabbia, Paragone contro Pomicino: “Faccia da Tutankhamon”

next
Articolo Successivo

Tv, Sabina Guzzanti: “L’unica rete che non controlla Renzi è La7”

next