Erano passate poche ore dall’arresto di tre anarchici, due uomini e una donna, quando quattro bottiglie molotov sono state lanciate all’alba contro una caserma dei carabinieri in via Aretina a Firenze. Delle quattro bottiglie incendiarie, solo due sono esplose: le fiamme, domate dai vigili del fuoco, hanno bruciato il motore di un condizionatore, ma non hanno causato feriti.

Secondo gli investigatori, gli arresti e il gesto incendiario sono collegati tra loro. Durante la notte, una pattuglia dei carabinieri è intervenuta in un villa in via Carlo Alberto dalla Chiesa, dove si stava tenendo un rave. Ne è scaturito uno scontro con i partecipanti alla festa e sul posto sono poi arrivati anche agenti della polizia di Stato e della polizia locale: tre anarchici sono stati arrestati e una decina di forze dell’ordine sono finite in ospedale.

Intorno a mezzanotte, poi, alcune decine di anarchici si sono radunate sotto la questura di via Zara: bloccati da un cordone di agenti, i manifestanti si sono allontanati poco dopo, senza che si verificassero disordini. Il lancio delle quattro molotov contro la caserma di Rovezzano è avvenuto solo alcune ore dopo, verso le 5.

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha chiamato il comandante dei carabinieri di Firenze “per esprimere a lui e a tutta l’Arma piena solidarietà per l’aggressione subita dai nostri carabinieri alla caserma di Rovezzano”. Per il sindaco, si tratta di “una vile reazione al coraggioso intervento che le forze dell’ordine e i vigili urbani hanno condotto questa notte in città”. A questi agenti, a quelli contusi in particolare, vanno gratitudine e vicinanza mia e della città per l’impegno a tutela della sicurezza della comunità fiorentina”.

Poco più di 24 ore prima un commando aveva sparato una raffica di colpi di kalashnikov contro la stazione dei carabinieri di Secondigliano, quartiere a nord di Napoli.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, primario al collega: “Cambia la flebo a mia sorella con una scusa, così si sbrigherà e abortirà”

next
Articolo Successivo

Migranti, lettera dei No border all’Austria: “Domenica attraverseremo il confine del Brennero”

next