La Giornata mondiale dedicata all’autismo è stata celebrata il 2 aprile: a distanza di pochi giorni però una scuola comunica solo in extremis alla famiglia di un 14enne autistico che i compagni di classe sono andati in gita e che dunque il figlio dovrà restare da solo, in classe, con uno dei due insegnanti di sostegno. Giulio, affetto da una grave forma di autismo, frequenta la terza media a Livorno: “Erano tutti in gita – dice la mamma al FattoQuotidiano.it – ma noi non ne sapevamo nulla. O meglio, ce lo ha detto l’insegnante di sostegno solo mezz’ora prima che Giulio arrivasse a scuola”. La scuola si difende parlando di un semplice difetto di comunicazione e aggiunge che “per Giulio stiamo dando tutto”. Ma intanto vengono annunciate mozioni in consiglio comunale e su facebook è già partita la campagna #iosonoGiulio.

Il consiglio di classe ha ritenuto che la gita a Larderello (Comune collinare in provincia di Pisa famoso per i soffioni boraciferi) non fosse adatta a lui: “Ma a noi non c’è mai stato comunicato nulla – racconta il padre – se invece fossimo stati coinvolti magari si poteva cercare di trovare una soluzione, è già la terza gita a cui mio figlio non partecipa”. Preside e insegnante di sostegno – contattate dal FattoQuotidiano.it – parlano di “spiacevole difetto di comunicazione” ma precisano: “A inizio anno, d’accordo con la famiglia, è stato deciso che l’opportunità della partecipazione di Giulio alle varie gite sarebbe stata valutata di volta in volta dal consiglio di classe”. Poi aggiungono: “Le due precedenti gite, dopo un confronto con la famiglia, erano state ritenute non adatte a Giulio. Ancor meno adatta è subito sembrata al consiglio di classe l’iniziativa a Larderello: è sembrato quasi scontato, visto quanto deciso per le due precedenti iniziative”.

#iosonoGiulio
Sui social network intanto è già partita una campagna di protesta con i selfie scattati con il cartello #iosonoGiulio. Un’iniziativa lanciata da un amico della famiglia: “Anche lui – spiega la madre del ragazzo – ha un figlio autistico: ha lanciato quest’iniziativa dopo aver sentito la nostra storia”. Il babbo di Giulio però precisa: “Non vogliamo accusare nessuno, né tantomeno creare problemi alla scuola di nostro figlio. Chiediamo solo maggior attenzione nei confronti dei ragazzi autistici”.

I genitori: “Non c’è malafede, ma non ci hanno coinvolto”
Giulio è entrato in classe alle 9,30 e per un’ora è rimasto con l’insegnante di sostegno. Poi la madre, come da programma, è tornato a riprenderlo per portarlo a fare terapia: “Mio figlio è un autistico grave non verbale, ha avuto un anno difficile. E’ cambiato anche l’insegnante di sostegno che lo seguiva da 2 anni”. Il padre precisa: “L’insegnante si è scusata per averci comunicato solo in extremis della gita a Larderello, non c’è ovviamente malafede, ne siamo consapevoli. Il problema è a monte: il consiglio di classe in questo caso non ci ha coinvolto, hanno deciso i ‘tecnici’ cosa sia meglio per Giulio senza un confronto con la famiglia. Capiamo perfettamente i problemi del mondo scolastico: io e mia moglie ci saremmo però fatti in quattro per dare una mano ai docenti e permettere a Giulio di andare in gita”.

La scuola: “Per Giulio stiamo dando tutto”
La preside dichiara che la gita a Larderello non è stata ritenuta adatta a Giulio perché “camminare tutto il giorno nei boschi lo avrebbe stancato e irritato“. Quindi definisce le proteste “una pugnalata: per questo ragazzo stiamo facendo il massimo. Per compensare la sua mancata partecipazione alle altre gite abbiamo organizzato una serie di iniziative ad hoc solo per lui. E continueremo a farlo”. L’insegnante di sostegno, quella da tre anni al fianco di Giulio, parla di “doccia fredda”. Poi afferma: “L’assistente educatrice che ci aiuta a seguire il ragazzo in un paio di casi non è potuta venire di sabato: ho sacrificato ben volentieri il mio giorno libero per stare accanto a Giulio quando potevamo benissimo chiamare una sostituta sconosciuta. Lo rifarei tranquillamente”. Poi conclude: “Ho guardato l’itinerario della gita a Larderello, mi sembrava per Giulio ancor meno adatto rispetto alle due gite precedenti. Mi è sembrato scontato che questa cosa non fosse fattibile per lui. C’è stato un difetto di comunicazione, è vero, me ne scuso nuovamente. Ma queste polemiche sono ingiuste: abbiamo fatto tutto in buonafede e per Giulio tutto il team docente sta facendo il massimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Doina Matei, sospesa la semilibertà alla “killer dell’ombrello” dopo le foto su Facebook. Antigone: “E’ reato sorridere?”

prev
Articolo Successivo

#Bastatacere: la campagna social per smetterla con gli abusi in sala parto

next