Non solo il caso di Giulio a Livorno di cui si ha parlato anche il premier Matteo Renzi: “Un abbraccio a Giulio e a tutte le persone che vivono sulla propria pelle le sofferenze dell’ingiustizia”. Anche a Isernia è accaduto che uno studente autistico fosse lasciato da solo mentre i compagni erano in gita. Luigi, 15 anni, arrivato nel suo istituto come ogni mattina, ha trovato l’aula della Media di Pozzilli (Isernia) vuota.

A raccontare l’accaduto è il padre del ragazzo Mauro Cantile, originario della Provincia di Caserta ma da anni, per lavoro, residente a Venafro (Isernia). “Ieri – ha detto Mauro – mia moglie ha portato Luigi a scuola trovando in classe solo l’insegnante di sostegno. Ha chiesto spiegazioni e ha appreso che gli altri erano in gita nella vicinissima Venafro per visitare alcuni luoghi di interesse storico e che noi, la famiglia di Luigi, non eravamo stati avvisati. Questo fa molto male. Parlo da genitore, da uomo e a nome di figlio che, purtroppo, non può esprimere le sue emozioni. Se ho deciso di raccontarlo all’Ansa è perché voglio che non accada più in futuro, né a mio figlio né agli altri”.

Il dirigente scolastico, Maria Pia Tomassetti, ha incontrato la madre di Luigi. “Le ho fatto le scuse per quanto accaduto – ha detto Tomassetti contattata al telefono – c’è stato un errore nell’organizzazione e la mancata comunicazione. Un errore, mi creda, in buona fede”.

 

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maternità surrogata, ogni scoperta scientifica è un bene per l’umanità?

next
Articolo Successivo

Scalfarotto e Giannini in Iran, se la ragion di Stato fa dimenticare i diritti

next