Sono stati resi noti i dati Audiweb relativi a febbraio 2016, mese dell’anno caratterizzato come di consueto dal Festival di Sanremo (evento catalizzatore di clic) e in cui sono stati lanciati gli Instant Articles di Facebook e Google Amp, due iniziative che hanno l’obiettivo di rendere la fruizione delle news più veloce sui dispositivi mobili ma i cui clic al momento non vengono assegnati al produttore del contenuto ma al diffusore (Facebook e Google).

Tra le grandi testate giornalistiche cartacee che hanno una versione web, ilfattoquotidiano.it si è piazzato al quarto posto, subito dopo le corazzate di Corriere e Repubblica e La Stampa (che però aggrega in sé anche i dati del Secolo XIX, visto che sono entrambi dello stesso editore). Rispetto agli utenti del mese precedente, il sito de Il Fatto è cresciuto del 18% superando come utenti unici Il Sole 24 Ore.

Questa la classifica della media giornaliera degli utenti unici nella versione “depurata” dalle aggregazioni con siti partner

Repubblica 1,545,259
Corriere 1,102,825
La Stampa 616,774
Il Fatto Quotidiano 460,726
Il Sole 24 Ore 373,117
Il Messaggero 286,281

Questa la classifica della media giornaliera delle pagine viste nella versione “depurata” dalle aggregazioni con siti partner

Repubblica 12.560.000
Corriere 5.473.000
La Stampa 3.526.000
Il Sole 24 Ore 2.169.000
Il Fatto Quotidiano 1.450.000
Il Messaggero 1.442.000

Interessante è notare come si ripartisca il traffico tra desktop (che rappresenta ancora la maggior parte degli utenti) e mobile.

Media giornaliera utenti che navigano su desktop

Repubblica 1,030,933
Corriere 710,769
La Stampa 358,688
Il Fatto Quotidiano 297,557
Il Sole 24 Ore 248,043
Il Messaggero 209,147

Media giornaliera utenti che navigano su mobile

Repubblica 543,588
Corriere 416,369
La Stampa 264,965
Il Fatto Quotidiano 165,126
Il Sole 24 Ore 128,020
Il Messaggero 77,752

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rcs, Mentana: “Sì a un editore puro come Cairo, lo chiediamo da una vita. Ma sul Corriere decide comunque Intesa”

next
Articolo Successivo

Festival del giornalismo Perugia 2016, il futuro passa dal mobile. E dall’Africa…

next