“Qui estraggono petrolio. Ci sono almeno 2 o 3 allarmi a settimana e i lavoratori devono uscire fuori quando suona l’allarme”. Questo quanto dichiara un operaio che lavora per un’azienda in appalto nel settore della sicurezza sul lavoro fuori dal Centro Oli in Val d’Agri a Viggiano (Potenza), stabilimento al centro dell’indagine dei carabinieri del Noe per il quale la Procura potentina parla di “enormi benefici” per l’Eni e non esclude l’ipotesi di reato ambientale (leggi l’articolo). “L’allarme scatta per l’h2s, idrogeno solforato, uno dei gas più pericolosi che ci sono – continua a raccontare sotto anonimato l’operaio -. E quando parte la sirena, deve intervenire una squadra speciale con sensori e maschere protettive”. L’intervista estratta fa parte di un documentario inchiesta sulla questione delle trivellazioni da poco pubblicato e dal titolo ‘Quale Petrolio? – Effetti e costi delle trivellazioni in Italia’ regia di Andrea Legni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, Comitato No Triv: “Con il Sì non si perderà nemmeno un posto di lavoro”

next
Articolo Successivo

Petrolio in Basilicata, 850mila tonnellate di sostanze pericolose nei pozzi. “Eni beneficiaria dell’ingiusto risparmio”

next