Sarebbe dovuta iniziare il 19 marzo, 28 giorni prima della consultazione referendaria “No Triv”. E invece, mentre la maggior parte degli italiani ancora non sa a cosa si riferisca il “Sì” e a cosa il “No”, la data della messa in onda ufficiale in Rai degli spot autogestiti per informare sul voto è stata fissata per oggi, 29 marzo, a soli 18 giorni dalla scadenza. Al ritardo, si sommano i dati Agcom sul silenzio dell’informazione, prima di tutto in Rai.

I monitoraggi sul Rai1, Rai2, Rai3 e RaiNews24, nel periodo di 34 giorni che va dal 16 febbraio al 20 marzo, hanno mostrato che nei Tg si è parlato del referendum per sole 3 ore e 51 minuti in totale. Rai1, ad esempio, dal 16 febbraio al 4 marzo non ha speso neanche un secondo per informare sul voto. Stesso trend nei programmi “extra tg”: qui, l’informazione sul referendum ha raggiunto il traguardo di un’ora e 35 minuti. In totale 5 ore e 26 minuti. Vanno peggio Mediaset, La7, Sky e Nove Dj. I tg dell’azienda del Biscione hanno riservato alle trivelle 2 ore e 14 minuti e neanche un secondo nel periodo tra il 16 febbraio e il 6 marzo.

Fuori dall’informazione giornalistica, praticamente il nulla: solo 15 minuti. Tra La7 e La7D, i minuti nei telegiornali sono stati 15, fuori non più di un paio. Un po’ meglio Sky che arriva a 1 ora e 18 minuti nei telegiornali (Tv8, Cielo, Sky Tg 24 sul digitale e sul satellite) mentre, a parte 42 minuti sul canale all news non c’è traccia di approfondimenti. Il referendum, nei talk show, è assente. “Se n’è parlato in occasione della spaccatura interna al Pd – spiega Mirella Liuzzi, in commissione vigilanza Rai per il M5s – ma solo dal punto di vista politico. Spenta la polemica, è diventato secondario. Invece bisognerebbe parlarne anche lì, sia a livello informativo che di dibattito. È un referendum che ha bisogno del quorum, quindi è importante che si faccia informazione”.

Il Pd si è schierato per l’astensione (anche se il vicesegretario Debora Serracchiani nel 2012 sfilava a Monopoli contro le trivellazioni in Adriatico), il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ribadito che il referendum è privo di senso, il ministro dell’ambiente Galletti non ha ancora deciso se andare a votare. Sui social network c’è la campagna “Non sprecare energia” che rilancia gli argomenti cari a chi si oppone al referendum: il dominio è stato registrato da Davide Bacarella, amministratore unico e azionista di minoranza di DotMedia, società di comunicazione di fiducia di Renzi.

da Il Fatto Quotidiano del 29 marzo 2016

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum trivelle, la guida: lavoro, inquinamento e politiche energetiche. Fronte del Sì e del No a confronto

next
Articolo Successivo

Laudato si’, le verità dell’enciclica di Papa Francesco confermate nei dati – I

next