Un gruppo di uomini armati ha preso d’assalto una casa di riposo nella città meridionale di Aden, in Yemen, uccidendo 16 persone, tra cui 4 suore Missionarie della Carità, la congregazione fondata da madre Teresa di Calcutta. Due delle suore uccise erano ruandesi, una era indiana mentre la quarta veniva del Kenya. “Non si hanno notizie sulla matrice dell’aggressione terroristica, ma è noto che nella città portuale yemenita riconquistata mesi fa dalle forze fedeli al Presidente Abdel Rabbo Mansour Hadi, in lotta con ribelli houthi, sono radicati gruppi legati alla rete di Al Qaida“, ha spiegato l’agenzia vaticana Fides.

Oltre alle suore, sono rimasti uccisi durante l’attacco anche l’autista della struttura e almeno due altri collaboratori etiopi della comunità, mentre si è salvata la superiora del convento. Tutti vivi anche gli anziani e i disabili ospitati presso la comunità, circa 80, mentre per ora non si hanno notizie del sacerdote salesiano indiano Tom Uzhunnalil, che risiedeva nel convento ed era nella cappella al momento dell’attacco.

Secondo le ricostruzioni fatte, i terroristi sarebbero entrati nella struttura con la scusa di dover fare visita ad alcuni parenti. Una volta dentro avrebbero separato le religiose dalle altre persone presenti nella casa e, dopo aver ammanettato gli anziani e i malati, avrebbero aperto il fuoco. Fonti yemenite attribuiscono l’attacco a un gruppo affiliato all’Isis anche se non sono giunte rivendicazioni.

Secondo monsignor Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale che ha dato la notizia, il “segnale è chiaro: si tratta di un qualcosa che ha a che fare con la religione“. Il prelato, citato da Radio Vaticana, ha spiegato si essere a conoscenza della difficile situazione, e che le suore che erano state “già in passato oggetto di attacchi mirati correvano un certo rischio”. Tuttavia, ha aggiunto, “avevano deciso di rimanere qualsiasi cosa capitasse, perché questo fa parte della loro spiritualità“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, le ipotesi sulla morte dei due ostaggi italiani uccisi a Sabratha

prev
Articolo Successivo

Libia, Renzi e la ‘mossa del perdente’

next