Donald Trump rilancia su Twitter una frase di Benito Mussolini e poi lo rivendica: “Lo sapevo, è una citazione interessante”. E’ questa l’ennesima provocazione del candidato repubblicano alle elezioni Usa che sui social network ha condiviso il Tweet dell’account “ilduce2016” in cui si legge: “Meglio vivere un giorno da leone che 100 giorni da pecora”. Si tratta di un profilo satirico che ha scelto una foto di Mussolini con i capelli biondi di Donald Trump.

“Voglio essere associato a buone citazioni”, ha commentato il magnate in un’intervista alla Msnbc. “Mi piaceva come suonava… Sapevo di citare Mussolini”, ma era una citazione interessante. “Che differenza fa?”, ha concluso. Il tweet, che sia una gaffe o una provocazione, rischia di scatenare nuove polemiche. Nei giorni scorsi Trump ha ritwittato messaggi di suprematisti bianchi e incassato l’appoggio dell’ex leader del Ku Klux Klan. Il 27 febbraio è stato contestato per essersela presa con la stampa annunciando che, in caso di elezione, rivedrà le leggi sulla diffamazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolivia, Evo Morales non sarà presidente per la 4a volta. Dieci anni di governo: dalla sanità alla libertà di stampa

prev
Articolo Successivo

Elezioni Iran, dall’Occidente sospiro di sollievo per il business. Ma il fronte moderato non ha la strada spianata

next