Nel giorno decisivo per l’approvazione delle Unioni civili il Senato si presentava così. Vuoto. E’ stato il presidente di turno Roberto Calderoli a farlo notare all’aula: “Siamo solo 25, è giusto dirlo, evidenziando che è largamente prevalente la minoranza”. Così Mattia Feltri, nella sua diretta minuto per minuto su La Stampa, ha evidenziato il momento: “Calderoli ci sveglia dal torpore: se qualcuno si svegliasse dalla digestione, vedrebbe un Senato con 25 persone, quasi tutti dell’opposizione. Dei neoassunti di Ala ce ne sono zero. Del Ncd, zero”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

De Luca, l’esercito delle 13 poltrone: i consiglieri del presidente della Campania e l’esecutivo “parallelo”

prev
Articolo Successivo

Unioni civili, la missione dei Paracadutisti indispensabili di Verdini: 19 senatori e 11 processi: “Noi, uomini dell’emergenza”

next