Il Mobile World Congress di Barcellona è iniziato. La più grande fiera mondiale di telefonia mobile durerà fino al 25 febbraio e vedrà tutti i big del settore schierati per mostrare i nuovi smartphone. Tutti tranne Apple, che come al solito non prenderà parte alla kermesse. La novità del 2016 è la partecipazione della “Apple della Cina“, Xiaomi, che con i suoi dispositivi economici ma performanti ha conquistato l’Asia e ora punta a mettere piede in Occidente.

Due sono le location principali dell’evento: il Fira Gran Via, centro congressi all’avanguardia a 10 km dall’aeroporto di Barcellona e il Fira Montjuïc una tra le più importanti istituzioni fieristiche d’Europa. Entrambe di norma facilmente raggiungibili con i mezzi di trasporto, ma che oggi soffriranno i disagi causati dalla scelta dei lavoratori della metro di confermare lo sciopero annunciato per il 22 e il 24 febbraio: nelle ore di punta i trasporti saranno diminuiti del 50% e del 30% nel resto della giornata. La Ferrocarrils della Generalitat de Cataluny invece, dopo la richiesta dal parte dell’organizzazione del Mobile World Congress, ha deciso di incrementare la circolazione dei treni e di raddoppiare la capacità dei convogli, per trasportare le oltre 95mila persone attese durante i quattro giorni della fiera.

Intanto ieri c’è stato il primo evento di Samsung, che ha preceduto l’apertura ufficiale del Congresso: il ceo dell’azienda sudcoreana ha presentato il nuovo Galaxy S7 e S7 edge sul mercato a partire da metà marzo, per sfidare gli iphone di Apple. Tra le novità Gear 360, la videocamera a 360 gradi che monta lenti “dualfisheye” e che permetterà agli utenti Samsung di sperimentare la realtà virtuale: per ogni ordine del nuovo modello Galaxy, gli utenti infatti riceveranno il Gear 360 in omaggio. Presente per l’occasione anche Mark Zuckerberg per il quale “la realtà virtuale è pronta per entrare nelle nostre vite”. Pochi mesi fa infatti Facebook ha deciso di acquistare Oculus, azienda leader nel campo della realtà virtuale. Su Facebook Zuckerberg ha commentato “l’esperienza più importante del Gear VR sono i video a 360°, nei quali potrai guardarti intorno e sentirti come se fossi veramente nel video”.

Altro evento simbolo della fiera il contratto siglato tra Tim e Huawei sullo sviluppo di soluzioni dedicate all’Internet of Things su tecnologia Narrowband IoT (NB-IoT), con l’obiettivo di accrescere e promuovere questo nuovo mercato. Un accordo che costituisce un importante passo nell’evoluzione della rete mobile 4G e della futura 5G verso l’Internet of Things. Il settore, in rapido sviluppo nell’ICT, stimolerà una fase innovativa del mercato e rappresenta un’importante opportunità per l’industria delle comunicazioni. La tecnologia NB-IoT consente infatti bassi consumi, maggiore copertura di rete e la possibilità di collegare grandi numeri di oggetti in modo conveniente: tutte caratteristiche indispensabili per l’Internet of Things.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Robot, gli umanoidi in casa: su FQ Radio domande e risposte sulle macchine che ci aiuteranno in futuro

prev
Articolo Successivo

Mobile World Congress, realtà virtuale e qualità della fotocamera protagoniste. Huawei presenta il nuovo MateBook

next