“L’Italia chiede indietro la salma del ragazzo ucciso”. Il presidente della Repubblica egiziana al Sisi, ritratto di spalle, guarda una montagna di cadaveri e dice: “Ora vai a capire qual è l’italiano”. E’ come Mario Natangelo, il vignettista de il Fatto Quotidiano, ha voluto immaginare il giorno dopo l’annuncio della morte di Giulio Regeni, il ricercatore ventottenne di Fiumicello ucciso in Egitto in circostanze ancora non chiare.

La vignetta era stata pubblicata sul Fatto il 5 febbraio e ieri appariva, tradotta in inglese, su uno striscione davanti all’Auc, l’università americana del Cairo, in segno di protesta contro il governo egiziano. Gli studenti hanno scelto di esporre il ‘provocative cartoon’ – così lo chiamano in una delle immagini della manifestazione – per chiedere giustizia e chiarezza sulle morti in Egitto rimaste senza colpevoli: “La morte di Giulio – scrivono – non è un incidente isolato“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disgelo Usa-Cuba, Obama annuncia su Twitter: “A marzo andrò all’Avana”

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco-Donald Trump, è scontro. Pontefice: “Non è cristiano”. Candidato repubblicano: “Bergoglio è vergognoso”

next