Per i pensionati ha fatto sicuramente di più Mussolini che la Fornero“. Sono le dichiarazioni del segretario della Lega Matteo Salvini ai microfoni de La Zanzara (Radio24). Tema della discussione è il disegno di legge delega sul contrasto alla povertà che prevede di razionalizzare le “prestazioni di natura previdenziale tra le quali rientra la reversibilità, cioè la quota di assegno che, dopo la morte del pensionato, viene corrisposta al coniuge e alla famiglia. “In parlamento – si chiede Salvini – c’è in discussione la possibilità di dare la pensione di reversibilità alle coppie gay e noi decidiamo di toglierle ai vedovi e alle vedove? Ma siamo su scherzi a parte?”. Poi il leader del Carroccio spiega: “Fu Benito Mussolini ad introdurre la pensione di reversibilità per garantire la natalità nel caso di morte di uno dei due coniugi”. “Mi stai dicendo che Mussolini qualcosa di buono fece?“, domanda il conduttore Cruciani. “Beh, la previdenza sociale l’ha portata Mussolini – ribatte sicuro Salvini – e in 20 anni prima dell’alleanza con Hitler delle cose giuste le fece sicuramente”. Dichiarazioni che provocano il diverbio con l’altro conduttore David Parenzo. “Sei sintonizzato?”, replica il segretario leghista. Il sistema pensionistico sta per essere smontato da Renzi grazie alla Fornero”. “Meglio Mussolini della Fornero?”, chiede Cruciani. “Meglio della Fornero è chiunque. Lei è il peggio del peggio. Quando andremo al governo cercheremo di farla processare per alto tradimento“. Peccato che non esista più

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pier Carlo Padoan, il prof smentisce il ministro: anche gli economisti tengono famiglia

prev
Articolo Successivo

Notaio denunciato per truffa: il problema sono gli ordini professionali?

next