Battaglia per la parità di diritti, ma fino a un certo punto. A Sonnino, in provincia di Latina, una quarantenne è stata rinviata a giudizio dopo la denuncia del marito per maltrattamenti. La colpa? La “cattiva gestione delle faccende domestiche” come ha fatto scrivere il coniuge nella denuncia presentata ai carabinieri. Una querela che ha avuto l’accoglimento prima del pm Gregorio Capasso che ha avviato un’inchiesta e poi dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Latina Mara Mattioli che ha deciso di mandare a processo la donna. L’imputata rischia, codice penale alla mano, da due a sei anni di carcere.

Il marito, di 7 anni più anziano, sostiene di essere stato per oltre due anni insultato, a volte estromesso dalla camera da letto e spesso costretto a vivere in condizioni di scarsa igiene. E lamenta di aver raramente mangiato un buon pasto preparato dalla moglie, la quale piuttosto preferiva gettare nell’immondizia il cibo da lui acquistato. Il processo inizierà il 12 ottobre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finmeccanica, il racconto dell’agente: “India propose scambio a Italia. I due marò in cambio di un dossier sui Gandhi”

next
Articolo Successivo

Isis, al carnevale di Tuscania un carro allegorico con i terroristi del Califfato (con tanto di patrocinio del Comune)

next