“La Regione Lombardia, nella seduta del 23 ottobre 2015, ha rifinanziato, per la sua parte, il progetto di ‘vigilanza sui treni’ di Trenord, spendendo 2 milioni di euro” lo segnala Vincenzo Del Vicario Segretario nazionale del Sindacato autonomo di vigilanza privata, che aggiunge: “peccato che sui mezzi e nelle stazioni Trenord risulta che a fare sicurezza siano lavoratori privi dei titoli di Guardia Giurata. Essi, comunque, sono esposti a tutti i rischi tipici del mestiere della sicurezza senza alcuna protezione e garanzia. Il servizio per il cittadino, a fronte degli annunzi politici, non potrà dunque mai corrispondere alle promesse e men che meno alle aspettative”.

E così ilfattoquotidiano.it è riuscito a raccogliere la testimonianza di due ex operatori della sicurezza Trenord (gestita dalla società Gf Protection Srl di Milano, con sede operativa a Lissone) in servizio sino alla fine del 2015. “Avevo paura anche quando tornavo a casa, perché temevo che qualcuno mi seguisse dopo il servizio” dice uno degli operatori, al quale fa eco l’altro: “Ho subito persino un’aggressione con un coltello”. “Su questi treni – denunciano – spesso si trovano persone armate. Tecnicamente siamo dei semplici accompagnatori, con contratto cosiddetto di ‘portierato’, ma ci usano come veri e propri body-guard”.

“Si violano tutte le norme in materia di sicurezza nelle stazioni e sui treni – denuncia il Savip – dato che la legge (articoli 256 bis del Regolamento al Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e 2 e 3 del Decreto 15 settembre 2009, n. 154) impongono, per l’espletamento di tali servizi di sicurezza in ambiti ferroviari, l’impiego esclusivo di Guardie Giurate. Chiediamo a Prefettura e Questura di Milano di fare chiarezza – conclude Del Vicario – interessando, se del caso, la Procura della Corte dei Conti e la Guardia di Finanza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, ladri all’opera. Il furto dello scooter è fulmineo: bastano 40 secondi

next
Articolo Successivo

Villa San Giovanni, l’esercito rimuove una bomba della seconda guerra mondiale

next