Ventinove ragazze. E’ questo il numero di persone contagiate a Roma da Valentino T, 31enne sieropositivo che ha avuto rapporti sessuali non protetti con numerose partener conosciute in chat o tramite social network almeno dal 2006. Altre dieci donne, invece, hanno avuto rapporti ma non hanno contratto il virus dell’Hiv. L’uomo è finito in carcere il 24 novembre su ordine del gip Alessandro Arturi. L’accusa nei suoi confronti è quella di lesioni gravissime volontarie e permanenti.

All’inizio le indagini avevano appurato il contagio di sei ragazze. Ma secondo quanto riporta Repubblica il numero è salito a 29 e il lavoro dei magistrati va avanti. Il pm titolare del fascicolo, Francesco Scavo, e gli agenti del reparto di polizia di piazzale Clodio continuano ad ascoltare altre persone che nei giorni dopo l’arresto di Valentino si sono messe in contatto con gli inquirenti perché hanno avuto rapporti con il 31enne. Intanto il Tribunale del Riesame ha deciso che Valentino T. deve rimanere in carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Duplice omicidio nel Napoletano: uccide moglie e figlia di 4 anni con ascia. Poi si suicida

prev
Articolo Successivo

Colonia non può essere usata per accusare l’intero Islam

next