Quattro nuovi elementi chimici entrano nella tavola periodica: sono il 113, 115, 117 e 118 e sono stati tutti ottenuti in laboratorio da gruppi di ricerca di Stati Uniti, Russia e Giappone. Individuati da tempo, i nuovi elementi sono stati confermati definitivamente soltanto adesso da gruppi indipendenti e annunciati dall’Unione internazionale di chimica pura e applicata (Iupac). Tutti e quattro i nuovi elementi sono molto pesanti e sono stati intravisti in laboratorio solo per poche frazioni di secondo.

Questi elementi completano la settima riga della tavola periodica dove sono indicati con nomi e simboli provvisori: ununtrio (Uut o elemento 113), ununpentio (Uup, elemento 115), ununseptio (Uus, elemento 117), e ununoctio (Uuo, elemento 118). La Iupac invita i ricercatori che li hanno ottenuti a scegliere i nomi definitivi, che possono essere legati alle proprietà chimiche o fisiche degli elementi, a un concetto mitologico, a un luogo, a una personalità scientifica.

A ottenere l’elemento 113 sono stati i ricercatori giapponesi del Nishina Center dell’Istituto Riken che diventano i primi dell’Asia orientale a vedere un loro elemento artificiale entrare nella tavola periodica. Quando l’elemento era stato avvistato la prima volta 12 anni fa, era stato suggerito il nome ‘Japonium‘. Gli elementi 115 e 117 sono stati ottenuti da una collaborazione tra Istituto congiunto per la ricerca nucleare a Dubna, in Russia, laboratorio Nazionale Lawrence Livermore, in California, e laboratorio nazionale di Oak Ridge nel Tennessee. Infine a scoprire l’elemento 118, che è il più pesante mai realizzato, è stato il gruppo di ricerca di Dubna in collaborazione con i ricercatori del laboratorio Lawrence Livermore. Adesso è aperta la caccia agli elementi 119 e 120, che potrebbero inaugurare l’ottava riga della tavola periodica.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autismo, “scoperto nuovo bersaglio per farmaci contro sindrome di Rett”

next
Articolo Successivo

Glioblastoma, “scoperto il meccanismo che toglie il freno al tumore”

next