Nonostante il blocco del traffico, a Milano la concentrazione di Pm10 continua a salire. Per il secondo giorno di seguito il livello di polveri sottili nell’aria ha sforato la soglia limite dei il 50 microgrammi per metro cubo. A dirlo sono le analisi dell’Arpa che ha raccolto i dati delle centraline piazzate in vari punti della città relativi al 29 dicembre. Quella di Milano Pascal ha segnato un livello di 81 microgrammi per metro cubo, contro i 67 del giorno precedente. Quella di Milano Senato, in centro, è salita da 66 a 83, mentre Milano Verziere è passata da 60 a 75.

Stesso copione a Roma, nonostante ieri fosse il secondo giorno di targhe alterne. Anche qui i valori di Pm10 nell’aria erano “fuorilegge”. E’ quanto si legge nel bollettino giornaliero fornito dall’Arpa Lazio. Il limite giornaliero delle polveri sottili è stato superato ieri in 10 centraline su 13.

I dati che arrivano da Milano spingono Roberto Maroni ad attaccare il sindaco Giuliano Pisapia: “Come avevamo previsto, il blocco delle auto deciso da Pisapia è stato inutile e addirittura dannoso”, scrive il governatore lombardo su Twitter, postando la prima pagina di Libero con questo titolo: ‘Fermano le auto, sale lo smog’. Stamani Maroni e altri amministratori locali incontreranno a Roma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per discutere dell’emergenza inquinamento.

Secondo il ministro, lo smog che sta interessando diverse città è provocato soprattutto da una situazione climatica anomala. Mancano i venti e le piogge, queste ultime da quasi due mesi, capaci di spazzare via lo smog e rendere l’aria più pulita. Benché le previsioni meteo preannuncino un cambiamento climatico già dal primo giorno del nuovo anno.

 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Basilicata è il Texas d’Italia, parola di Eni

next
Articolo Successivo

Smog, meno riscaldamento e sconti per i mezzi pubblici: ecco il decalogo anti-inquinamento. Ma non è vincolante

next