I contribuenti che hanno perso il diritto a pagare le tasse a rate perché non hanno rispettato le scadenze avranno un’altra chance. Lo prevede un emendamento alla legge di Stabilità approvato in commissione Bilancio alla Camera. Chi è decaduto dalla rateizzazione delle cartelle di Equitalia può essere riammesso al piano a patto che la ripresa dei pagamenti avvenga entro il 31 maggio 2016. Il beneficio spetta ai contribuenti decaduti nei trentasei mesi antecedenti il 15 ottobre di quest’anno ed è limitato al solo versamento delle imposte dirette. Si tratta però, appunto, dell’ultima possibilità: se si saltano altre due rate anche non consecutive bisognerà dire addio al diritto e non ci saranno ulteriore proroghe.

Va ricordato che il decreto delegato su semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione, varato a settembre, obbliga l’esattore a concedere la rateizzazione (fino a un massimo di 72 rate mensili) quando il contribuente è temporaneamente in situazione di difficoltà. Per debiti fino a 50mila euro, non occorre allegare alcuna documentazione che documenti lo stato di bisogno. Per ottenere un piano straordinari – fino a 120 rate – è necessario invece possedere specifici requisiti indicati di reddito.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Evasione fiscale, Confindustria: “Sbagliati i conti del governo, non è di 91 miliardi ma 122”

next
Articolo Successivo

Fondiaria Sai, Paolo Ligresti assolto da accusa di aggiotaggio e falso in bilancio

next