Ha sciolto il corpo del fratello nella soda caustica dopo averlo ucciso. E’ successo a Piano di Sorrento, comune della penisola sorrentina, in provincia di Napoli. A mettere in atto l’omicidio è stato Salvatore Amuro, 52 anni, arrestato mercoledì mattina dai carabinieri coordinati dalla Procura di Torre Annunziata.

L’omicidio sarebbe avvenuto al culmine di una lite con il fratello Francesco, 54 anni, avvenuta all’interno dell’abitazione di quest’ultimo. L’uomo avrebbe poi sciolto il cadavere con l’idrossido di sodio nella campagna vicino casa. Di Francesco Amura non si avevano notizie dallo scorso 7 dicembre e nei giorni scorsi i parenti ne avevano denunciato la scomparsa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ebreo accoltellato a Milano, polizia diffonde l’identikit dell’aggressore

prev
Articolo Successivo

Licio Gelli, quando il capo della P2 mi disse: ‘Condanneranno Dell’Utri a sette anni’

next