Le centinaia di foto dell’Albero della Vita che per mesi hanno tempestato le nostre timeline hanno spinto l’Expo di Milano al primo posto fra gli argomenti di Facebook più discussi in Italia sulle pagine del social network.

La classifica, che alterna importanti eventi di cronaca ad altri più leggeri, smentisce il luogo comune del social come luogo di solo “cazzeggio” e vede al secondo posto le elezioni regionali 2015 seguite dalla Juventus in Champions league. Il festival di Sanremo e la crisi economica della Grecia chiudono le prime cinque posizioni con sullo sfondo della top ten gli attacchi di Parigi e la crisi dei rifugiati. Solo sesto Matteo Renzi. L’Expo domina anche fra i luoghi battendo la storia del Colosseo, i divertimenti di Gardaland, la cultura dei Musei vaticani e i goal di San Siro.

Sempre in Italia il biscottino innamorato è lo sticker più utilizzato seguito dai Minions, mentre a livello globale fra gli argomenti vincono le elezioni presidenziali negli Usa. Al secondo posto gli attentati di Parigi seguiti dalla guerra civile in Siria e la crisi dei rifugiati.

Difficile dire se Facebook sia ormai diventato “il sistema operativo della vita” come disse una volta Mark Zuckerberg. Di sicuro è il luogo preferito per discutere soprattutto a caldo ciò che avviene nel mondo e non solo i fatti propri. C’è vita oltre i gattini.

L’Expo domina anche su Twitter la cui top ten vede al secondo posto Charlie Hebdo e dietro la buona scuola. La strage nella redazione del settimanale satirico francese ha colpito gli utenti del cinguettio molto di più rispetto agli attentati del 13 novembre che non figurano fra i primi dieci. Isis, Mafia capitale e il ddl sulla concorrenza sono temi molto discussi confermando il profilo più alto, e anche più elitario, del social dove Renzi fra i politici è al primo posto seguito non da un rivale, ma da un partito, il Movimento 5 stelle che sorpassa Salvini. Quarto il Pd.

Nei talk show “Chi l’ha visto” batte “ottoemezzo” e “dimartedì”, anche se forse le categorie sono diverse. Gazebo che ha fatto dei Tweet uno dei pilastri della trasmissione si guadagna il sesto posto e “Ballarò” finisce in coda.

Anche Youtube ha sfornato la sua classifica che fra i video non musicali piazza al primo posto uno degli eventi più originali di quest’anno. Stiamo parlando dell’esibizione di mille musicisti che hanno suonato “Learn to fly” per invocare un concerto a Cesena dei Foo Fighters. Al secondo posto la pubblicità di Air France con il video “France is in the air” e al terzo un grande classico estivo: lo spot del Cornetto Algida. Roba per cuori teneri.

Dal punto di vista musicale pole position per J-Ax con Il Cile che canta “Maria Salvador”. Secondo Baby K con Roma-Bangkok. Il Festival di Sanremo con il quinto posto del trio il Volo batte Xfactor. Lorenzo Fragola è nono e decima Francesca Michelin.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto all’oblio: vuoi cancellarti da Google? Due anni sono pochi, dice il Tribunale di Roma

prev
Articolo Successivo

Apple, continua la guerra dei brevetti: Samsung fa appello alla Corte Suprema Usa per non pagare multa da 339 milioni

next