Sapeva di essere sieropositivo ma ha continuato lo stesso a pretendere di avere rapporti sessuali non protetti. Valentino T., impiegato romano, è finito in carcere il 24 novembre su ordine del gip Alessandro Arturi con l’accusa di lesioni gravissime volontarie e permanenti. Dal 2006 al 2014 ha contagiato sei donne, che aveva conosciuto via chat o tramite i social network.

La notizia emerge proprio nella Giornata mondiale per la lotta contro l’Aids. Il trentenne è accusato di lezioni gravissime dal pm Francesco Scavo la cui indagine è stata effettuata dalla sezione romana della Polizia giudiziaria del Tribunale diretta da Anna Galdieri. Secondo gli inquirenti le donne infettate sono certamente di più e ora la polizia sta cercando di rintracciarle. Il pubblico ministero Scavo aveva avviato le indagini otto mesi fa ascoltando anche Valentino T. che dopo aver inizialmente negato di essere positivo ha poi ammesso i fatti di cui si è reso responsabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Gabrielli: “Non sarò sindaco, ma vorrei diventare capo della polizia”

prev
Articolo Successivo

Camorra, l’appello di mamme e sacerdoti dei quartieri a rischio: “Tempo pieno a scuola per togliere i ragazzi dalla strada”

next