Sapeva di essere sieropositivo ma ha continuato lo stesso a pretendere di avere rapporti sessuali non protetti. Valentino T., impiegato romano, è finito in carcere il 24 novembre su ordine del gip Alessandro Arturi con l’accusa di lesioni gravissime volontarie e permanenti. Dal 2006 al 2014 ha contagiato sei donne, che aveva conosciuto via chat o tramite i social network.

La notizia emerge proprio nella Giornata mondiale per la lotta contro l’Aids. Il trentenne è accusato di lezioni gravissime dal pm Francesco Scavo la cui indagine è stata effettuata dalla sezione romana della Polizia giudiziaria del Tribunale diretta da Anna Galdieri. Secondo gli inquirenti le donne infettate sono certamente di più e ora la polizia sta cercando di rintracciarle. Il pubblico ministero Scavo aveva avviato le indagini otto mesi fa ascoltando anche Valentino T. che dopo aver inizialmente negato di essere positivo ha poi ammesso i fatti di cui si è reso responsabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Gabrielli: “Non sarò sindaco, ma vorrei diventare capo della polizia”

next
Articolo Successivo

Camorra, l’appello di mamme e sacerdoti dei quartieri a rischio: “Tempo pieno a scuola per togliere i ragazzi dalla strada”

next