Già dopo poche ore dagli attentati che hanno sventrato Parigi, i musulmani hanno iniziato a twittare: “#NotInMyName“. E mentre su Libero campeggia il titolo “Bastardi Islamici”, arabi di tutte le età – bambini, giovani donne con indosso il burqa, adulti – urlano che il sangue versato non è in loro nome. Scendendo anche in piazza con cartelloni. Questa una selezione di tweet:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi, U2, Coldplay e Foo Fighters annullano tutti i concerti

next
Articolo Successivo

Attentati a Parigi: non mischiamo terrorismo, religione e immigrazione

next