Già dopo poche ore dagli attentati che hanno sventrato Parigi, i musulmani hanno iniziato a twittare: “#NotInMyName“. E mentre su Libero campeggia il titolo “Bastardi Islamici”, arabi di tutte le età – bambini, giovani donne con indosso il burqa, adulti – urlano che il sangue versato non è in loro nome. Scendendo anche in piazza con cartelloni. Questa una selezione di tweet:

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi, U2, Coldplay e Foo Fighters annullano tutti i concerti

next
Articolo Successivo

Attentati a Parigi: non mischiamo terrorismo, religione e immigrazione

next