Unicredit annuncia un piano di tagli massicci a personale e filiali. All’indomani della notizia siamo andati a sondare l’aria che tira tra i dipendenti sotto la torre direzionale di piazza Gae Aulenti a Milano. In mezzo a tanti prevedibili silenzi, qualcuno parla: “Non ne sappiamo ancora molto, più che licenziamenti dovrebbero esserci avviamenti anticipati alla pensione“. “Sì, ho accettato la proposta di prepensionamento – dichiara una veterana dell’ufficio crediti – e penso che ormai i tagli siano inevitabili, il gruppo era cresciuto troppo all’epoca di Profumo e le inefficienze sono evidenti”. Sulle conseguenze della digitalizzazione si sofferma un addetto alla gestione dati: “Ormai in filiale ci vanno sempre meno clienti, buona parte delle operazioni si fanno on line, questo rende necessaria una ristrutturazione” di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Gallino e la lotta alla stupidità neoliberista

next
Articolo Successivo

Bernanke e Krugman zittiscono gli ‘incompetenti’ che criticano la Federal Reserve

next