Pignorata Cinecittà World. Il giudice del Tribunale civile di Roma – che nel frattempo ha passato di mano il fascicolo, dilatando ulteriormente i già lunghissimi tempi della giustizia – ha deciso di accogliere la domanda di Icun (Italiana Costruzioni Ulisse Navarra Spa) e di procedere al pignoramento di tutta l’area che ospita il parco – un investimento di oltre 250 milioni di euro – di proprietà della Ieg (Italian Enterainment Group). Che vede tra i principali azionisti Luigi Abete, Andrea e Diego Della Valle, Luide De Laurentiis e la famiglia Haggiag.

Il provvedimento arriva dopo mesi di protesta da parte delle piccole e medie aziende che hanno materialmente contribuito ad edificare sui 150 ettari di terreno dell’area le 20 attrazioni con le scenografie firmate da Dante Ferretti, vincitore di tre premi Oscar, gli 8 set cinematografici, i 4 teatri e i 4 ristoranti a tema.

L’appalto per la costruzione del mega parco giochi era stato vinto da Icun, grossa azienda attiva dal 1922 su tutto il territorio nazionale, con commesse per la presidenza della Repubblica, per la quale ha restaurato il palazzo del Quirinale, o per Roma Tor Vergata, dove ha costruito tutti gli edifici dell’università. Ma anche per il Vaticano, con la vittoria in gare come quella che, bandita dal Governatorato, la vide lavorare al restauro del colonnato e dei bracci (o “corridori”) berniniani della Basilica di San Pietro a Roma, ma anche delle fontane e dell’obelisco della piazza.

La Icun che si aggiudicò la gara per Cinecittà decise poi di subappaltare parte dei lavori per la realizzazione del parco giochi, inaugurato nel luglio del 2014, a dodici piccole e medie aziende, che poi hanno denunciato di aver lavorato senza mai vedersi pagato il corrispettivo. Si tratta di decine di milioni di euro che Cinecittà World deve a queste ditte e alla Icun, incassi mancati che hanno spinto sull’orlo del fallimento più di un’azienda e hanno messo in seria difficoltà la Icun stessa. Per alcune delle imprese la vicenda è stata un disastro, tra gli stipendi ai dipendenti, gli anticipi per il materiale e nessuna entrata a compensare.

Nel luglio scorso, dopo nove mesi di apertura, le ditte hanno inscenato una protesta fuori da Cinecittà World, con striscioni appesi ovunque, con scritte che recitavano: «Gout mantieni le promesse», «Cinecittà World il parco divertimenti di chi ha rovinato centinaia di famiglie», «Cinecittà World pagate il debito», «Cinecittà World i giochi per noi sono finiti. Dateci i nostri soldi». E infine il più laconico «Ladri».

LA RETTIIFICA DI CINECITTA’ PARCHI Spa
Come risulta dagli ulteriori accertamenti effettuati da Cinecittà Parchi S.p.A., non esiste alcun provvedimento emesso dal Tribunale di Roma in data 7 novembre 2015 su istanza dell’appaltatore ICUN S.p.A.; d’altronde possiamo confermare che non vi è alcuna chiusura dell’area su cui insiste il parco Cinecittà World che sia stata ordinata giudizialmente. Nell’aprile scorso il Tribunale di Roma aveva emesso un provvedimento di pignoramento di una parte dell’area nei confronti di Cinecittà Parchi, nell’ambito del contenzioso con Icun, provvedimento poi revocato nel luglio successivo. Tutto questo non ha influito sulla regolarità della stagione del Parco.

LA PRECISAZIONE DI ITALIANA COSTRUZIONI: “NON C’ENTRIAMO CON ICUN”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manuela Petescia, la signora della tv molisana accusata di estorsione: “Relazione con il pm? Non clandestina”

prev
Articolo Successivo

Pier Paolo Pasolini: di quale verità è morto veramente

next