Arrestati gli esponenti di Casapound coinvolti nella rivolta anti immigrati di luglio. La Digos di Roma sta eseguendo diverse misure cautelari a carico di alcuni membri dell’organizzazione di estrema destra ritenuti responsabili degli scontri del 17 luglio in seguito al trasferimento di alcuni profughi in un centro di accoglienza a Casale San Nicola, alla periferia della capitale. Le misure cautelari sono state emesse dal gip Giovanni Giorgianni su richiesta del sostituto procuratore Eugenio Albamonte

La scorsa estate a Casale San Nicola diversi esponenti dell’organizzazione di estrema destra, con caschi e volti coperti, avevano organizzato un blocco per impedire l’ingresso del pullman con a bordo 19 migranti in un centro di accoglienza allestito nella ex scuola Socrate, nella zona di Roma nord, dando vita a tensioni nel quartiere con successivi scontri con le forze dell’ordine. Alcuni cassonetti sono stati dati alle fiamme. La polizia ha tentato di mediare, ma il prefetto Franco Gabrielli ha subito chiarito che non c’erano alternative, quindi il blocco stradale è stato rimosso. Ed è qui che è partito un lancio di sassi e tavolini di plastica contro gli agenti che hanno risposto con i manganelli.

I tafferugli tra manifestanti e polizia sono durati qualche minuto, prima di spegnersi. A quel punto però la rabbia si è scagliata contro il pullman dei migranti scortato da camionette e agenti che è stato accolto da un coro di insulti razzisti, saluti romani, minacce e da un lancio di bottiglie. Nei tafferugli rimasero feriti 14 agenti, mentre due manifestanti furono arrestati. I destinatari delle misure sono tutti accusati in concorso degli episodi di violenza.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, Osservatorio su giornalisti minacciati. Ma a proporlo è Cesaro jr

next
Articolo Successivo

Messina senz’acqua, sindaco: “Condotta riparata. In tarda mattinata normalità”

next