“Non è una svendita, i beni sono venduti a prezzo di mercato, è una decisione saggia che guarda al futuro, i cento milioni di euro previsti nella legge di Stabilità non sarebbero bastati alla ristrutturazione delle opere, manterremo lo stesso livello occupazionale, non ci saranno licenziamenti”. E’ quanto assicura il sottosegretario all’Economia Paola De Micheli (Pd), audita in commissione Bilancio alla Camera, sulla vendita degli immobili di Eur Spa all’Inail per ripianare i debiti dell’azienda e completare la nuvola di Fuksas, il centro congressi all’Eur, opera ancora incompiuta firmata dall’archistar romano. Il ministero dell’Economia è azionista di maggioranza al 90% dell’Eur Spa, il 10% lo detiene Roma Capitale. “E’ una svendita del patrimonio italiano, a questi prezzi stracciati non si compra nemmeno un seminterrato nel più piccolo paesino sperduto del mezzogiorno, si accollano i costi di un’opera faraonica e orribile sui cittadini romani” afferma il deputato Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia che promette battaglia nelle aule giudiziarie. “Si finirà in tribunale, è un atto illegittimo, non può Eur Spa alienare i propri beni di pregio, potevano vendere lo stesso centro congressi, se trovano un acquirente, l’hotel Lama a fianco, questa è speculazione finanziaria a danno del pubblico” aggiunge. Con la vendita si otterranno 300 milioni di euro utili a completare l’opera e a risanare il bilancio di Eur Spa, la vendita verrà conclusa entro l’anno, come ha annunciato il governo e l’opera dovrebbe vedere la luce nel 2016-2017

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, Salvini: “Le zecche rosse non ci fermeranno a Bologna l’otto novembre”

prev
Articolo Successivo

Imu, Gomez: “Abolizione tassa su prima casa? Si chiama ‘legge compra-voti’”

next