“I giudici lavorino senza essere coccolati o imboccati dalla politica”. Così Matteo Salvini sullo scandalo che ha portato all’arresto del vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani. “Un normale cittadino – incalza il leader della Lega Nord – potrebbe chiedersi se non sia altro che un modo per mettere uno stop al clamore per le cene di Marino e di Renzi con un bello scandalo della sanità lombarda”. E sull’assessore Massimo Garavaglia, indagato in quota Lega, Salvani non ha dubbi: “Non raccoglierebbe nemmeno un pacchetto di caramelle da terra se non fosse suo, mi fa schifo il fatto che sia indagato“. Eppure nel caso dello scandalo del San Raffaele-Maugeri, la Lega non fu affatto tenera con l’allora governatore Roberto Formigoni: “La scorsa giunta cadde per mafia, qua c’è di mezzo un’ambulanza”. Salvini come Berlusocni contro le toghe rosse? “Non seguo quello che fanno gli altri, ma quando mi rendo conto che c’è un attacco premeditato che porta allo sputtanamento di qualcuno mi arrabbio“, risponde il segretario del Carroccio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corruzione, breve storia ragionata delle tangenti lombarde

prev
Articolo Successivo

Mario Mantovani, pm: “Faceva assunzioni su richiesta di Berlusconi. Dal marito della Bergamini al fratello del capogruppo Pdl”

next