Deserta, desolatamente deserta: è l’immagine dell’Aula della Camera che arriva anche in diretta televisiva sulle reti Rai durante le dichiarazioni di voto finali sulla legge sulla cittadinanza.

All’inizio della discussione non c’erano più di venti deputati, compresa la presidente Laura Boldrini. Al secondo intervento del dibattito, che chiude un iter combattuto sulla legge contestata dalla Lega Nord e caratterizzato durante il suo iter da intemperanze ed espulsioni, i gruppi più “presenti” sono il Pd (4 deputati) e il Carroccio (tre). Per il resto, nei banchi c’è il vuoto. Un vuoto poco rilevato dalla telecamere del servizio pubblico radiotelevisivo, la cui regia limita al massimo le panoramiche dell’emiciclo, “stringendo” su chi man mano si alterna al microfono.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Palazzo Madama vota la legge Boschi: ecco cosa cambia con la nuova Costituzione

next
Articolo Successivo

Unioni civili, Giovanardi: “Se la legge passa lascio Ncd e non voto più la fiducia al governo”

next