Un intero villaggio spazzato via, 31 morti e circa 450 dispersi a causa di una frana che si è abbattuta in Guatemala, su Santa Catarina Pinula, località a 20km dalla capitale. Nella notte tra l’1 e il 2 ottobre, terra e fango hanno travolto 150 case. Le operazioni di soccorso continuano da due giorni e al momento sono impegnati 500 persone tra vigili, poliziotti e soldati. Il presidente del Guatemala, Alejandro Maldonado, ha dichiarato che la priorità è salvare il maggior numero possibile di persone ma ha anche chiesto aiuti internazionali per far fronte all’emergenza. Tra i morti ci sono anche due neonati e un 18enne che faceva parte della nazionale giovanile squash.

La zona intorno al villaggio è classificata ad alto rischio frane, in particolare da maggio a novembre, la stagione delle piogge. Ma a causare lo smottamento potrebbero esserci anche alcuni drenaggi illegali nell’area. Quest’anno in Guatemala per via delle piogge ci sono già state 9 vittime. Mentre nel 2014 il numero dei morti era stato di 29 persone, oltre a 2 dispersi e a 25 feriti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Croazia, viaggio nel carcere a cielo aperto di Opatovac. Tra le migliaia di profughi accampati nella No Man’s Land

next
Articolo Successivo

Nigeria, le bimbe trasformate in bomba sono l’ultimo colpo all’umanità

next