Erik Roner, stella di Mtv e degli sport estremi, è morto dopo aver colpito un albero durante una dimostrazione di skydiving. L’incidente è avvenuto il 28 settembre in un campo da golf nella Squaw Valley, in California, durante la cerimonia di apertura di un evento sportivo. Era noto per la sua partecipazione a Nitro Circus, show di Mtv sul pilota di motocross Travis Pastrana.

I testimoni hanno detto che il 39enne – americano di Tahoe City – faceva parte di un gruppo che doveva esibirsi in una performance di paracadutismo: mentre cercava di atterrare ha colpito un albero ed è rimasto impigliato. Le autorità non sono riuscite a portarlo via e Roner è stato dichiarato morto sul posto.

Roy Tuscany, amico della vittima, ha assistito all’incidente: dopo aver visto tutti gli altri paracadutisti tornare a terra sani e salvi, ha visto lo schianto. Roner penzolava, impigliato, mentre a terra molti cercavano delle scale o altri mezzi per raggiungerlo. Fino a che non hanno iniziato a salire uno sulle spalle dell’altro.

“Non c’è nessun protocollo per questo tipo di salvataggio – ha detto Tuscany -, nessun manuale. E’ stato semplicemente orribile“. L’amico lo descrive come un ragazzo “esilarante” e “affidabile”, un grande sostenitore della comunità locale che poteva sempre contare su di lui per eventi benefici.

Roner, che lascia una moglie e due figli, è cresciuto in California e, prima di dedicarsi al settore degli sport estremi, si è laureato in graphic design alla Brigham Young University. Nel 2013 è diventato famoso per essersi ripreso con una GoPro mentre si lanciava nel vuoto con un ombrello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Mecca: cronaca di una strage annunciata

next
Articolo Successivo

Afghanistan, raid aerei Usa contro i talebani per riprendere Kunduz

next