Erik Roner, stella di Mtv e degli sport estremi, è morto dopo aver colpito un albero durante una dimostrazione di skydiving. L’incidente è avvenuto il 28 settembre in un campo da golf nella Squaw Valley, in California, durante la cerimonia di apertura di un evento sportivo. Era noto per la sua partecipazione a Nitro Circus, show di Mtv sul pilota di motocross Travis Pastrana.

I testimoni hanno detto che il 39enne – americano di Tahoe City – faceva parte di un gruppo che doveva esibirsi in una performance di paracadutismo: mentre cercava di atterrare ha colpito un albero ed è rimasto impigliato. Le autorità non sono riuscite a portarlo via e Roner è stato dichiarato morto sul posto.

Roy Tuscany, amico della vittima, ha assistito all’incidente: dopo aver visto tutti gli altri paracadutisti tornare a terra sani e salvi, ha visto lo schianto. Roner penzolava, impigliato, mentre a terra molti cercavano delle scale o altri mezzi per raggiungerlo. Fino a che non hanno iniziato a salire uno sulle spalle dell’altro.

“Non c’è nessun protocollo per questo tipo di salvataggio – ha detto Tuscany -, nessun manuale. E’ stato semplicemente orribile“. L’amico lo descrive come un ragazzo “esilarante” e “affidabile”, un grande sostenitore della comunità locale che poteva sempre contare su di lui per eventi benefici.

Roner, che lascia una moglie e due figli, è cresciuto in California e, prima di dedicarsi al settore degli sport estremi, si è laureato in graphic design alla Brigham Young University. Nel 2013 è diventato famoso per essersi ripreso con una GoPro mentre si lanciava nel vuoto con un ombrello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Mecca: cronaca di una strage annunciata

prev
Articolo Successivo

Afghanistan, raid aerei Usa contro i talebani per riprendere Kunduz

next