“Sarà greve la mia battuta, ma sui gas di scarico nella storia i tedeschi sono maestri”. Prima la premessa, poi il paragone. Così Paolo Graldi, ex direttore de Il Mattino e de Il Messaggero, ha esordito nel suo intervento sullo scandalo Volkswagen durante la trasmissione “Dentro i fatti, con le tue domande” di Sky Tg24. Un richiamo ai lager nazisti, dove le camere a gas erano uno dei metodi di eliminazione degli ebrei.

Poi Graldi ha proseguito: “Non vorrei che fosse un ricorso, perché ci hanno insegnato che li sanno maneggiare bene e manipolare bene. Ma fuori di metafora…”, ha concluso il giornalista  iniziando a entrare nel merito della questione relativa alla casa automobilistica tedesca che martedì ha ammesso di aver truccato i dati sulle emissioni dei motori diesel.

Contattato da IlFattoQuotidiano.it, Graldi spiega: “Era semplicemente un accenno che voleva essere prettamente ironico. Ho fatto una premessa in diretta, parlando di battuta greve. Era solo un gioco di parole, visto che la storia ci ha detto che già un altra volta i tedeschi hanno truccato riguardo i gas. Non darei importanza, era una battuta”. Il riferimento storico non è sfuggito ad alcuni utenti di Twitter, che hanno commentato le frasi del giornalista, vent’anni al Corriere della Sera, facendo riferimento alla gaffe della reginetta di Miss Italia Alice Benedini e parlando di “pessima battuta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cremona, partorì in bagno senza medici: a processo ginecologo e tre ostetriche

prev
Articolo Successivo

Foggia, bracciante africano ucciso a colpi di fucile perché aveva rubato dei meloni

next