Una baby profuga di neanche un anno di origini siriane gattona, in apparenza tranquilla, davanti alla polizia turca schierata sull’autostrada Istanbul-Edirne per bloccare i migranti. Le foto, in contrasto con le immagini di morte e violenza di questi giorni, fanno il giro dei media e dei social. Aprono il sito della Bbc e diventano virali su Twitter. Fino ad ora, la Turchia è il primo Paese al mondo che ha accolto il maggior numero di sfollati provenienti dalla Siria: circa 2 milioni di persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La strage di Sabra e Chatila e il passaggio della memoria

prev
Articolo Successivo

Migranti, Ungheria richiama riservisti. Scontro con Croazia: “Ha tradito noi e Ue”. Affonda barcone a Lesbo, muore bimba

next