La prima campanella è suonata ormai per tutti e gli alunni delle scuole italiane sono tornati sui banchi con la riforma dell’istruzione fresca di approvazione. Una riforma che non ha mancato di sollevare perplessità e malumori su diversi fronti, il più controverso è quello relativo alla fantomatica introduzione nei programmi scolastici della cosiddetta teoria gender.

Su questo punto il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini si è espressa a Radio24, spiegando che: “Chi ha parlato e continua a parlare di teoria ‘gender’ in relazione al progetto educativo del Governo di Renzi sulla scuola compie una truffa culturale. Ci tuteleremo con gli strumenti a nostra disposizione, anche per vie legali”. Il ministro ha poi sottolineato che in queste ore il Capo Dipartimento del Miur sta inviando ”una circolare a tutti i dirigenti scolastici. Spero che sia sufficiente”, poi ribadisce: “Ove si continuasse ad incriminare la legge studieremo quali strumenti adottare”.

Poi continua: “Mi auguro ci sia un ravvedimento immediato” in quella parte della Chiesa cattolica che ritiene essere presente nella Buona Scuola la teoria del gender. Il ministro Giannini ha ricordato che anche il vescovo di Padova ha fatto una circolare proprio criticando quella corrente cattolica che ritiene legato il gender alla Buona scuola e “dicendo ‘no signori, siete sulla strada sbagliata, state prendendo una colossale cantonata’, se vogliamo essere buoni e non vedere malafede e una strumentalizzazione ad arte

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, associazioni disabili: “30mila prof di sostegno mancanti? Arriveranno, ma non saranno specializzati”

prev
Articolo Successivo

Didattica 2.0: più che risorse digitali, quello che manca in Italia è imparare a usarle

next