E’ stato trovato morto all’interno di un furgoncino mangiato dal fuoco, parcheggiato in una zona periferica di Ibiza. Massimiliano Rossi si era trasferito nell’isola qualche anno fa e aveva tirato su un’attività dedicata alla vendita di auto elettriche, ma non aveva smesso di dedicarsi al business a cui aveva legato la sua storia: le discoteche. In Italia il nome di questo imprenditore milanese di 42 anni era infatti conosciuto soprattutto nel mondo della notte. Per molto tempo – come ricorda il Corriere della Sera – era stato il titolare di uno dei locali più famosi in Toscana e in Italia: l’Insomnia di Ponsacco, in provincia di Pisa (poi diventata Dress Code).

Sulla morte di Rossi – che risale a qualche giorno fa – indaga la Guardia Civil. Il mezzo a bordo del quale è stato ritrovato il suo cadavere è stato completamente distrutto dal rogo. Ma non si esclude nessuna pista, perché quella dell’incidente non convince fino in fondo gli investigatori. Una telecamera di videosorveglianza di un’azienda, piazzata vicino al furgone, non sembra però aver registrato niente di sospetto. L’unica sicurezza è che le fiamme sono partite intorno alle due di notte mentre Rossi si trovava al posto di guida. Sulla salma – riporta Il Tirreno –  è stata effettuata l’autopsia, dalla quale potrà emergere qualche dettaglio in più sulla morte.

La discoteca Insomnia nasce nel ’92 da un’idea di Antonio Velasquez e diventa in poco tempo uno dei templi della musica d’avanguardia per un’intera generazione. Dalla consolle della discoacropoli d’Italia (come viene ribattezzato il locale) suonano dj di fama internazionale come Tony Humpries, Roger Sanchez, Ralf, Claudio Coccoluto, Francesco Farfa. La discoteca chiude i battenti dieci anni dopo, nel 2002.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Catania, prefettura: “Su super-stipendi informato Cantone”. Che invece aveva chiesto “chiarimenti”

prev
Articolo Successivo

Verona, 100mila euro in strumenti musicali. A carico del sistema sanitario. Il medico-compositore uomo di Giovanardi

next