Chicchi di grandine della grandezza di palline da tennis, uno scossone e un breve momento di spavento seguito dalle rassicurazioni da parte del personale dell’aereo: ecco cosa hanno raccontato i passeggeri arrivati all’aeroporto di Linate, dell’atterraggio di emergenza del volo Roma-Milano del 19 agosto. “Abbiamo sentito una forte scossa, un po’ come se ci fosse un vuoto, una grandinata sul tetto. Il pilota ha detto che era grandine grossa come una pallina da tennis”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Novara, camion incastrato sotto il cavalcavia. E il Comune pubblica il video

next
Articolo Successivo

Comunione e Liberazione, il primo meeting dopo le critiche (e la freddezza) del Papa

next